Gesù Cristo la Palma di Dio!

Gesù Cristo la Palma di Dio!

Gesù Cristo la Palma di Dio!

Giovanni 12:12 Il giorno seguente, la gran folla che era venuta alla festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, 13  prese dei rami di palme, uscì a incontrarlo, e gridava: «Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d’Israele!»

Oggi, secondo il nostro calendario, è la domenica delle Palme. Fu il giorno dell’entrata trionfale di Gesù a Gerusalemme. Sulla strada, davanti al nostro caro Signore, gli uomini stendevano rami di palme e i loro mantelli. Questo fatto avvenne solo perché si attendeva il Re liberatore e non il Salvatore. Gli accadimenti che seguono nei Vangeli, ce ne spiegano chiaramente le loro mere intenzioni. Com’è vero, ancora oggi, che l’uomo si prostra davanti a chicchessia, pur di realizzare i propri interessi, quelli più spiccioli e immediati, quelli più umani e a buon mercato. I Giudei, stendavano le palme davanti a Colui che è la Palma di Dio!

La palma è un albero straordinario; sfida il tempo, le tempeste, è flessibile più di qualunque altro albero, resiste alla siccità, produce acqua e olio nei suoi frutti, adombra il viaggiatore stanco e assolato, raggiunge altezze incredibili, insomma, credo che sia l’albero immediatamente riconoscibile.

Questo Albero di Vita è il dono di Dio all’umanità. Chiunque lo desidera vi si può rifugiare, per farvi una dimora stabile. Mirate come la Sua Grazia è simile alla Sua età, duemila anni ed è nel pieno del Suo “vigore”. Tutti quelli che hanno creduto e credono, vivono all’ombra del Suo perdono, della Sua pace, ma innanzitutto, per la Sua Giustizia. In Lui troviamo ristoro, cibo e acqua in abbondanza. Anche se in certi momenti non possiamo ritrovarci nei luoghi comuni di adorazione siamo sicuri che, non siamo privati della Grazia comune!

Come la chiesa è il Tempio dello Spirito Santo, così Cristo è il Tempio di Dio. In Lui, noi, ci raccogliamo, ci ritroviamo e viviamo. Com’è scritto: IO sarò per loro un Santuario ovunque…  Ezechiele 11:16, e con ciò ci è concesso di adorare in spirito e verità. Come ancora ci è promesso: IO sarò con voi tutti i giorni… Matteo 28:20, Gesù Cristo che è stato glorificato dal Padre, ci garantisce l’accesso al Trono di Dio; sicuri di essere accettati, perché Egli è il compimento della Legge e il prezzo di riscatto. Confidiamo nella Sua difesa. Per quanto possiamo essere attaccati c’è sempre una promessa: … perché chi tocca voi, tocca la pupilla dell’occhio suo Zaccaria 2:8.

Cosa faremo allora fratelli di fronte a queste cose? Io stenderò il mantello della mia vita, perché Gesù ne possa disporre; taglierò il ramo della “piccola palma” del mio “io”, perché possa essere sostituito dal Suo “IO”. E ancora, canterò, pregherò, ringrazierò e adorerò il mio Salvatore. In Lui ho tutto ciò di cui ho veramente bisogno!

Dio ti benedica!

 P.re Marcello D’Ambrosio

 


Stampa   Email

Vedi Anche

Un amore infinito

Il grande oppositore delle tenebre

La porta della Libertà

Gesù Solo

Piegati ma non spezzati